TEMPO DI LETTURA: 3 MINUTI

It’s not easy writing about nothing” diceva un enigmatico mandriano onirico a Patti Smith. “Dovete imparare a scrivere anche dell’aria fritta!” ammoniva la prima e, per ora, ultima caporedattrice della mia vita. Il nulla e l’aria fritta sono la stessa cosa? L’hai mai provata l’aria fritta? Di che sa?

Il Nuovo de Mauro definisce l’aria fritta come un “enunciato, scritto o pensiero privo di contenuto, vuoto e inutile”. In effetti saper scrivere di nulla è un’arte, nella quale non credo di essere versata. L’aria fritta mi rimane indigesta. Che c’entra l’aria fritta? L’espressione mi è venuta in mente quando ho iniziato a buttar giù questo post, consapevole di non avere un’idea precisa di cosa scrivere né qualcosa di nutriente da offrire.

(Ma non hai un calendario editoriale con tutti i post programmatiSì, ma c’è una verità librosa universalmente riconosciuta e scoperta da poco: mai decidere con troppo anticipo quali libri leggere, soprattutto se ti chiami Caterina, ti descrivi come una pianta e vedi fate e folletti ovunque.)

Evasione mentale, patrimonio dell’umanità

In questi mesi di blogging (il wrap-up del 5 agosto si avvicina) ho fatto alcune considerazioni e risintonizzato i miei radar editoriali. I libri che a gennaio avevo programmato di leggere e “recensire” languono sull’ultimo scaffale della mia libreria.

Nel frattempo altri titoli hanno iniziato a corteggiarmi. Sto provando a non cedere per non tradire quelli che ho già. Il risultato? Sono bloccata, leggo poco e vado a rilento. La mia testa al momento è in vacanza alle Bananas, quindi fatico a concentrarmi su Sapiens e Trama d’infanzia.

Il primo è un mattone (in senso solo fisico, perché non ho preso la versione tascabile); lo sto leggendo in lingua originale: offre una visione nuova e provocatoria della storia dell’uomo; è scorrevole, brutalmente schietto e a tratti ironico. Il secondo non tratta un argomento leggero (l’infanzia ai tempi del nazismo). Gran bel romanzo però. Ho l’edizione italiana di e/o tradotta da Anita Raja.

Alcune letture interessanti selezionate per voi

Per i motivi di cui sopra questa settimana non ho nuove letture fra le mani da recensire né viaggi letterari da proporti. Però vorrei condividere con te alcune letture online (in inglese e in italiano). Il filo conduttore è sempre lo stesso: quello che anima questo blog.

Curiosità

  • Su The Public Domain Review c’è un breve saggio dedicato alla ricerca del Giardino dell’Eden e in particolare a William Fairfield Warren e alla teoria da lui sostenuta in un’opera pubblicata nel 1890: Paradise Found, The Cradle of the Human Race at the North Pole.

Riflessioni

  • Fiabe, fiabe, fiabe. Sono un po’ fissata, lo so. Su Doppiozero Giovanna Zoboli ha scritto de L’importanza di perdersi nel bosco. L’articolo è inoltre accompagnato da belle illustrazioni.

Recensioni

  • In attesa di leggere Atlante leggendario delle strade d’Islanda, pubblicato da Iperborea, dai un’occhiata alla recensione di Interno Storie. Al momento sembra essere il titolo più venduto della casa editrice. Basta guardare la copertina per innamorarsene.

Personaggi

Viaggi letterari

  • Se ti piacciono gli autori russi immergiti nell’atmosfera del racconto di viaggio sulle tracce di Fëdor Dostoevskij a San Pietroburgo scritto da Rosanna Spinazzola: Fëdor Dostoevskij in Sankt Pieter Burkh.
  • Ami Kafka e Praga? Segui David Farley nel suo itinerario alla scoperta dei luoghi della capitale ceca legati allo scrittore: On the Trail of Kafka in Prague.

E tu come te la stai cavando in questo periodo?

Post scritto sotto l’influsso di Von, Sigur Rós

Ho creato la Poppinsletter, una newsletter trimestrale che arriva nella tua casella di posta a ogni cambio di stagione. Vuoi riceverla? Iscriviti ora.

Ti va di sostenere lettureinviaggio.it?
Letture in Viaggio partecipa al programma di affiliazione Amazon. Vuol dire che se acquisti un libro o qualsiasi altro prodotto usando i link ad Amazon inseriti nei miei articoli, io ottengo una percentuale dalla vendita, che userò per comprare altri libri; a te non costa nulla e a me è utile per sostenere la crescita del blog.

Allevatrice di unicorni e dirigente di una multinazionale di idee. Da grande vorrebbe diventare ambasciatrice di sorrisi e indossare solo abiti color turchese.