Persepolis, Marjane Satrapi: libro, copertina

Sono appena tornata dall’Iran. Ho viaggiato con una compagnia aerea chiamata Persepolis (che, a pensarci bene, si addice più a una nave), guidata dal capitano Marjane Satrapi. Durante il volo ho provato: rabbia, nostalgia, tristezza, amore, solitudine, ansia, vergogna, insicurezza, paura, confusione e, infine, speranza.

Però ho anche sorriso molto, grazie a episodi raccontati con umorismo e intelligenza. Di Persepolis avevo già visto la trasposizione cinematografica anni fa, ma non la ricordavo bene (la guardai in inglese quando io e la lingua di Elisabetta facevamo ancora a cazzotti).

Persepolis, Marjane Satrapi: libro

Così ho letto la graphic novel dalla quale è stata tratta, in un’edizione inglese edita da Vintage. L’oziosità fisica e l’iperattività mentale del sabato mattina mi hanno permesso di terminarla, a letto, dopo nemmeno tre caffè.
E, stranamente, venerdì sera sono riuscita a leggerla e a tenere gli occhi spalancati fino alle 23 passate. (Normalmente, di sera, crollo dopo la seconda pagina di-quasi-tutto-quello-che-leggo. Quasi tutto, appunto. Infatti Persepolis mi ha tenuta sveglia. Un successo come pochi altri.)

Persepolis

Persepolis è una graphic novel di oltre 300 pagine, pubblicata dalla casa editrice francese L’Association in quattro volumi, tra il 2000 e il 2003. L’edizione integrale è del 2007.

In Italia, i 4 volumi sono stati pubblicati da Rizzoli Lizard a partire dal 2002 e raccolti in un unico volume nel 2007. È uscita anche per i tipi di Sperling & Kupfer nel 2004 (in due volumi); successivamente tra i classici del fumetto di Repubblica (serie Oro) e per il Corriere della Sera (collana Graphic Journalism: il fumetto che racconta la realtà).

La protagonista di Persepolis è l’illustratrice stessa, Marjane Satrapi, che attraverso le sue esperienze personali tratteggia, con efficacia e schiettezza, la storia di un Paese, in particolare quella dell’Iran post-rivoluzionario, dominato dal fondamentalismo religioso e, per otto anni (1980-1988), devastato dalla guerra con l’Iraq di Saddam Hussein.

Persepolis, Marjane Satrapi: libro, il viaggio

Marjane è nata in Iran nel 1969, figlia unica di una famiglia benestante di larghe vedute e idee comuniste. Gli eventi narrati abbracciano il periodo 1980-1994.

All’inizio della storia, Satrapi ha 10 anni e un’infanzia spensierata; nel 1994 è una giovane donna alla ricerca della propria identità, decisa a costruirsi un futuro. Nel mezzo una guerra, cambiamenti culturali e vicissitudini personali raccontati in modo onesto e lucido, conditi, al momento giusto, da una buona dose di humor.

Satrapi conduce il lettore (quello occidentale, a cui si rivolge) per mano, affinché comprenda il vero volto dell’Iran, al di là di stereotipi e pregiudizi molto diffusi.

Persepolis, Marjane Satrapi: libro, particolare, guerra

Il desiderio dell’autrice, come lei stessa afferma nell’introduzione, è anche di ricordare coloro che hanno pagato con la prigionia e con la vita la battaglia per la libertà. Perché “si può perdonare, ma non si dovrebbe mai dimenticare”.

War always takes you by surprise. (Persepolis) Condividi il Tweet

Marjane bambina, che cerca di interpretare la difficile realtà circostante e spiegarne le contraddizioni, offre al lettore uno spaccato della vita quotidiana in Iran.

Persepolis, Marjane Satrapi: libro, il velo

Marjane adolescente, audace nell’esprimere le proprie opinioni e poco incline ad accettare regole che non condivide, viene mandata a Vienna, a studiare. Ha quattordici anni. Quando torna in Iran, a guerra finita, ne ha diciotto.

Lentamente, inizia una nuova fase della sua vita. Si iscrive al college per studiare arte, si sposa, fatica a costruirsi una vita nel suo Paese, divorzia e lascia definitivamente l’Iran a quasi 25 anni, diretta in Francia, dove vive tuttora.

Nothing worse than saying goodbye. It’s a little like dying. (Persepolis) Condividi il Tweet

Le illustrazioni, bidimensionali, essenziali e eleganti, veicolano emozioni che arrivano dritte al cuore. Ogni capitolo è incentrato su un tema particolarmente caro all’autrice: a volte si tratta di esperienze personali e familiari, altre di temi legati alla guerra e al fanatismo religioso. Spesso, comunque, le due sfere si intrecciano.

When we'are afraid, we lose all sense of analysis and reflection. Our fear paralyzes us. Beside, fear has always been the driving force behind all dictator's repression. Persepolis

Le vicende di Marjane e del suo Iran rimaranno con me per un bel po‘. Questa terra, nel mio immaginario raffinata e quasi mitica, la sento adesso un po’ più vicina e reale. Arrivata all’ultima pagina, ho chiuso il libro con riluttanza e con la sensazione di averne tratto qualcosa di buono, qualcosa di cui non avrei potuto fare a meno.

Sull’onda del solito entusiasmo, mi sono messa a cercare interviste all’autrice su YouTube, perché volevo farmene un’idea precisa, ascoltadola. Ecco quello che ho trovato.

Ora tocca a voi! Avete letto Persepolis? Cosa ne pensate?

Photo Credit: lettureinviaggio

Da sapere: Letture in Viaggio partecipa al programma di affiliazione Amazon. Vuol dire che se acquisti un libro usando i link inseriti nei post, io ottengo una percentuale dalla vendita; a te non costa nulla. Il guadagno, seppur minimo, mi è utile per sostenere la crescita del blog.

Caterina
Seguila su

Caterina

Dirigente di una multinazionale di sogni, attualmente impegnata nella loro realizzazione. Da grande vorrebbe diventare ambasciatrice di sorrisi e indossare solo abiti color turchese.

Su Instagram e Twitter è @katyonabc
Caterina
Seguila su