Letture in Viaggio si racconta: wrap-up #2 e dietro le quinte | Nella foto: per le strade di Meissen, Germania

Cinque agosto: tempo di un wrap-up. Letture in Viaggio è online da sei mesi. Cosa è successo in questo periodo? Non molto, ovviamente, in termini di numeri. Diamo però un’occhiata alle avventure di Katy Poppins (aka io) e del suo magico ombrello.

La scribacchina, l’ombrello e la revisione

Subito dopo il primo wrap-up, ho concluso il post dedicato al Brighton Rock Tour con Brighton Rock: i luoghi fantasma, l’ippodromo e i giardini di Rudyard Kipling.

A Praga sono stata catturata dal fascino del Klementinum e dalle pagine di un antico codice miniato conservato al suo interno, quello di Vyšehrad.

Agli inizi di giugno risale un breve soggiorno in Inghilterra (N.d.B. viaggio vero e senza ombrello). Immersa nella British atmosphere, vi ho reso partecipi dei miei luoghi preferiti per leggere. Tornata a casa ho pubblicato il frutto di un piccolo tour fatto nella città natale di Charles Darwin.

In seguito alla ricezione di una raccomandata dalla OPS! — Ombrelli Più Sani —, che mi intimava di fare la revisione del mezzo entro due settimane pena il sequestro, in Iran ci sono andata con una compagnia aerea chiamata Persepolis.

Prima di volare nuovamente in Repubblica Ceca alla scoperta delle fiabe di Božena Němcová e Karel Jaromír Erben, ho fatto scalo ad Atene, accettando meravigliata la proposta di Giulio Perrone editore di visitare la città insieme a Patrizio Nissirio.

Con i fratelli Grimm sono rimasta a Berlino, ma siccome sentivo la mancanza dell’Inghilterra ho esplorato Essex e Yorkshire, con l’ombrello fresco di revisione, per far luce sulla vita di un famoso bandito del ‘7oo: Dick Turpin.

Adesso io e l’ombrello siamo fiacchi e fermi da un po’, in ferie, incerti se esultare perché non dobbiamo sorbirci gli effetti dell’Anticiclone Nordafricano o se imprecare un giorno sì e l’altro pure perché sembra di essere ad Agostembre. (N.d.B. Mai ‘na gioia!)

Comunque prima dello stop, ho preso giusto una dozzina di caffè con Patti Smith a New York. E poi il nulla: aria fritta.

Ecco la classifica dei tre post più letti sul blog negli ultimi tre mesi:

  1. A Edimburgo con una guida d’eccezione: Robert Louis Stevenson
  2. Leggere libri: dove mi riesce meglio
  3. “Atene, cannella e cemento armato”: la città raccontata da Patrizio Nissirio

Il caffè, la chiacchierata e il pezzo di torta

Sono un po’ allergica ai social, si nota? So cosa dovrei fare, ma non mi va, soprattutto in questo periodo. Non è stressante già solo l’idea di dover essere sempre connessi per far crescere follower e bla bla bla?

Una lancia a loro favore però la spezzo: mi hanno permesso di “conoscere” diverse persone che se potessi inviterei per un caffè, una chiacchierata e un pezzo di torta homemade. E magari anche due birre, uno spritz e un bicchiere di vino. Non ci si incontra mai per caso. Bisogna festeggiare.

Qualche dato? La maggior parte delle visite al blog le ottengo da Facebook; a seguire c’è Twitter, il mio preferito. Instagram è abbastanza inutile. Tra l’altro, forse in maniera poco saggia, ho avuto la brillante idea di creare un account a parte per il blog sia su Twitter sia su Instagram, e a volte mi sembra di avere due personalità, oltre che poco tempo per gestire tutti i miei profili.

Il senso del tempo, gli astri e la vaschetta di gelato

Io programmazione? Che brutta parola! Katy Poppins è nata senza il senso del tempo e vive in un mondo tutto suo. Si adegua, certo, alle regole del mondo, ma resta il fatto che non le piacciono.

Il capricorno che è in me, pragmatico, sobrio e control freak, prova a pianificare, ma poi l’ascendente in leone gli stravolge le carte davanti agli occhi come se niente fosse. Vi ricordate la storia di Miss Precisione Certosina e Miss Caotico Pasticcio? (Concedetemi la possibilità di incolpare gli astri. Grazie.)

Un’idea dei libri da leggere e degli argomenti da trattare nei prossimi mesi ce l’ho. A settembre darò il via alle storie di donne esploratrici del passato. E sicuramente i mesi autunnali mi vedranno impegnata nella lettura di tutti i libri di fiabe della casa editrice Iperborea.

Mi avventurerò anche fuori dalla mia zona di comfort, leggendo autori e generi nuovi, e non pianificherò con sei mesi d’anticipo i libri da “recensire”.

Mentre ragiono sui grandi temi della vita — come riuscire a leggere otto libri al mese, come viaggiare lavorando, come decorare la parete bianca che ho davanti —, vado ad affogare la testa in una confezione di gelato alla stracciatella. Vi ho voluto bene.

Per sempremente vostra
Katy Poppins

Ph. Credit: lettureinviaggio

Caterina
Seguila su

Caterina

Dirigente di una multinazionale di sogni, attualmente impegnata nella loro realizzazione. Da grande vorrebbe diventare ambasciatrice di sorrisi e indossare solo abiti color turchese.

Su Instagram e Twitter è @katyonabc
Caterina
Seguila su