Copertina di Selected Diaries, i diari di Virginia Woolf

Credit: Lettureinviaggio | Selected Diaries di Virginia Woolf, copertina

Non sei tu a trovare i libri, sono loro che trovano te: me lo ripeto spesso. Il mio rapporto con Virginia Woolf ne è un esempio. Molti anni fa Mrs Dalloway finì, incompreso e presto dimenticato, su una mensola a prendere polvere.

Galeotto, però, fu Selected Diaries, edito da Vintage Books nel 2008. Un acquisto fatto d’impulso all’Hay Festival, motivato dal conto in sospeso con questa scrittrice e dal fatto che mi piace leggere diari. La copertina, fresca e floreale, ci ha messo del suo, attirando la mia attenzione fra centinaia di altri libri.

Dagli anni ’50 a oggi, tutte le versioni dei diari di Virginia Woolf

Nel 1954 esce A Writer’s Diary. L’edizione, curata dal marito Leonard, raccoglie le pagine dei diari dedicate al rapporto dell’autrice con la scrittura.

Citazione sulla scrittura tratta dai diari di Virginia Woolf

Ph. Credit: George Charles Beresford, via Wikimedia Commons

Alla morte di Leonard i diritti delle opere di Virginia passano ai nipoti, figli della sorella Vanessa Bell, che decidono di pubblicare per intero sia le lettere (tra il 1975 e il 1980, in 6 volumi) sia i diari (tra il 1977 e il 1984, in 5 volumi). Un’enorme mole di materiale.

La versione ridotta dei diari, destinata a una più ampia fetta di lettori — cinque volumi condensati in circa 500 pagine —, viene data alle stampe da Hogarth Press nel 1990 con il titolo A Moment’s Liberty: The Shorter Diary, poi diventata Selected Diaries nell’edizione Vintage Books del 2008.

Selected Diaries

Selected Diaries inizia con il 1 gennaio 1915 e termina il 24 marzo 1941, qualche giorno prima del suicidio di Virginia. Ogni anno è introdotto da una breve spiegazione di ciò che il lettore troverà nelle pagine successive, cosa che ho trovato molto utile per contestualizzare gli eventi e chiarire l’intricato mondo di relazioni dei coniugi Woolf.

Il palco di casa Woolf è un viavai di personaggi che Virginia, osservatrice instancabile e obiettiva, ritrae con pennellate essenziali, precise, sicure e a volte ironiche.

I don’t like human nature unless all candied over with art. (Virginia Woolf) Condividi il Tweet

Oltre ai familiari della coppia, entrano ed escono continuamente di scena gli amici del Bloomsbury Group, ai quali Virginia è molto legata, e fanno la loro comparsa Katherine Mansfield, Vita Sackville West, i collaboratori di Hogarth Press, scrittori, artisti, critici letterari e intellettuali.

Nei confronti di questa intensa vita sociale Virginia ha dei sentimenti ambivalenti. Pur avendo un lato molto socievole, a volte — e sempre più spesso col passare degli anni — preferisce di gran lunga la solitudine e la possibilità di dedicarsi alla scrittura senza distrazioni. Agli amici, però, riconosce una funzione fondamentale: quella di ampliare i suoi orizzonti.

Citazione sugli amici tratta dai diari di Virginia Woolf

Ph. Credit: autore sconosciuto via Wikimedia Commons

Virginia annota tutto: dalla fine della Prima guerra mondiale all’eclisse di sole del giugno 1927, dal costo delle uova ai guadagni che ottiene pubblicando libri e scrivendo recensioni.

Ho trovato interessante seguire l’evoluzione di Hogarth Press, l’avventura editoriale iniziata insieme al marito nel 1917; divertenti i siparietti offerti dal complicato rapporto di amore-odio con la cuoca e governante Nelly; stimolante osservare Londra con gli occhi di Virginia.

E poi c’è la persona dietro il personaggio: i suoi mutevoli stati d’animo, le insicurezze, le riflessioni e le domande sulla natura di certi sentimenti.

Citazione sulla scrittura e sul carattere melanconico dell'autrice tratta dai diari di Virginia Woolf

Ph. Credit: autore sconosciuto, via Wikimedia Commons

Ho atteso con curiosità le sue impressioni su scrittori e intellettuali famosi, tra i quali Bertrand Russell (1872-1970), T.S.Eliot (1889-1965), George Bernard Shaw (1856-1950), Katherine Mansfield (1888-1923), Aldous Huxley (1894-1963), Christopher Isherwood (1904-1986), Hugh Walpole (1884-1941), James Joyce (1882-1941), Edward Morgan Forster (1879-1970).

Per riuscire a condensare i diari in sole 503 pagine molto è rimasto fuori, compresi i viaggi dei Woolf in Italia, Francia, Spagna e Germania.

To think of seeing a new place fills me with excitement. (Virginia Woolf) Condividi il Tweet

Grazie a Selected Diaries sono entrata nel tunnel. Credo sia impossibile non innamorarsi di questa scrittrice e del mondo di cui era parte. Sull’onda dell’entusiasmo ho trovato anche un blog ricco di informazioni sempre aggiornate sui Woolf. Al momento sto leggendo To the lighthouse, finito il quale proseguirò con Scene di Londra e Mrs Dalloway.

Virginia Woolf nelle edizioni italiane

Speravo di potervi segnalare la traduzione italiana di Selected Diaries, ma a quanto pare non c’è. Il mio inglese è buono, ma leggere Virginia Woolf in lingua originale non è proprio una passeggiata. Ecco cosa ho trovato in italiano:

Chi di voi ha già letto i diari? Vi sono piaciuti? Avete già fatto qualche tour letterario sulle tracce di Virginia Woolf? Raccontate!

Vi lascio con questo bel tour virtuale di Monk’s House, la casa di campagna dei coniugi Woolf a Rodmell, nel Sussex.


Da sapere: Letture in Viaggio partecipa al programma di affiliazione Amazon. Vuol dire che se acquisti un libro usando i link inseriti nei post, io ottengo una percentuale dalla vendita; a te non costa nulla. Il guadagno, seppur minimo, mi è utile per sostenere la crescita del blog.

Caterina
Seguila su

Caterina

Dirigente di una multinazionale di sogni, attualmente impegnata nella loro realizzazione. Da grande vorrebbe diventare ambasciatrice di sorrisi e indossare solo abiti color turchese.

Su Instagram e Twitter è @katyonabc
Caterina
Seguila su