Bebelplatz

Credit: Lettureinviaggio | Bebelplatz

Vivevo a Berlino già da qualche mese quando ho visitato Bebelplatz per la prima volta. Situata nel quartiere Mitte, cuore della città, e affacciata sull’Unter den Linden — il lungo viale che va dalla Porta di Brandeburgo all’isola dei musei —, è ormai una tappa obbligata per chi viene a trovarmi in città.

A Bebelplatz la sera del 10 maggio 1933 furono dati alle fiamme oltre 20.000 libri. In ricordo del rogo c’è un memoriale sotterraneo realizzato nel 1995 dall’artista israeliano Micha Ullman.

Bebelplatz, "The library" di Micha Ullman

Credit: Lettureinviaggio | Bebelplatz, “The library” di Micha Ullman

Per vederlo bisogna avvicinarsi al centro della piazza e cercare una lastra trasparente inserita nella pavimentazione. The library — questo il nome dell’opera —  è una piccola biblioteca bianca, vuota, eloquente; un corpo senz’anima.

Il “rituale” di Bebelplatz

Più di un secolo prima, nel 1823, il poeta tedesco Heinrich Heine aveva scritto nella tragedia Almansor contenuta in Tragödien nebst einem lyrischen:

Dove si bruciano libri, si finisce col bruciare anche gli uomini (Heinrich Heine) Condividi il Tweet

Non era stato Goebbels, ministro della propaganda, a ordinare il rogo; l’idea fu di un gruppo di studenti appartenenti alla Deutsche Studentenschaft. Al gerarca nazista, però, il rituale piacque e decise di dargli man forte. Quella stessa sera si recò a Bebelplatz per un breve discorso alla folla nel quale rimarcò quanto grande e simbolico fosse ciò che stava accadendo.

Il giornalista Louis P. Lochner — all’epoca corrispondente a Berlino dell’Associated Press — raccontò che il rogo fu accompagnato da danze e Feuersprüche, versi recitati attorno al fuoco, 9 strofe che suonavano più o meno così:

Contro la lotta di classe e il materialismo.
Per il popolo e per una concezione idealistica.
Marx, Kautsky

Contro la decadenza morale.
Per la disciplina e la moralità nella famiglia e nello stato.
H. Mann, Ernst Glaeser, E. Kästner 
[…]”

Il rogo di Bebelplatz non fu l’unico nella primavera del ’33. E nei successivi dodici anni — scrive Matthew Battles in Library. An unquiet history cento milioni di libri accompagnarono sei milioni di persone tra le fiamme dell’Olocausto.

If the nineteenth century was about the building of libraries, the twentieth was about their destruction. Matthew Battles - Library. An unquiet history

I nazisti confiscavanobruciavano i libri e allo stesso tempo fondavano biblioteche (potete immaginare che tipo di opere contenessero e quale fosse lo scopo).

Sembra che Hitler avesse una biblioteca di circa 16.000 volumi, la cui sorte non è certa. Secondo una leggenda metropolitana sarebbe finita in Russia dopo la morte del fuhrer; Andrea Kerbaker, ne Lo scaffale infinito, racconta di “un consistente corpus di 10.000 volumi, portati lì nel 1945, spariti per mezzo secolo, ricomparsi come per magia all’inizio dell’epoca Gorbaciov, nel 1990, e di nuovo scomparsi”.

Un grandioso progetto mai terminato

Originariamente Bebelplatz era chiamata Kaiser Franz Josef Platz, in seguito conosciuta come Opernplatz per via del palazzo dell’Opera sorto sul lato est della piazza. Il nome attuale risale al 1947, quando fu dedicata ad August Bebel, cofondatore del Partito Socialdemocratico tedesco.

Bebelplatz era parte di un grandioso progetto architettonico, almeno sulla carta. Federico II di Hohenzollern — conosciuto come Federico il Grande, re di Prussia dal 1740 al 1786 — voleva farne il punto focale del Forum Fridericianum, un centro culturale ispirato all’antica Roma. Le cose, però, andarono diversamente. Gli sforzi economici sostenuti in campo bellico prosciugarono le casse statali. Così, senza denaro, il progetto venne interrotto.

Bebelplatz: parte della Humboldt Universität

Credit: Lettureinviaggio | Bebelplatz: Humboldt Universität

Gli unici edifici eretti fino a quel momento erano la St-Hedwigs- Kathedrale — la cattedrale di Santa Edvige, il principale luogo di culto cattolico cittadino —, la Alte Königliche Bibliothek (Biblioteca Reale) — parte dell’Università Humboldt dal 1914 —, la Staatsoper Unter den Linden — l’Opera reale, eretta tra il 1741 e il 1742 — e un palazzo per il fratello del re, anch’esso parte dell’università. Edifici che ancora oggi fanno di Bebelplatz una delle più belle piazze berlinesi.

Il lato di Bebelplatz opposto all’Università Humboldt al momento ospita un cantiere, quindi la vista non è delle migliori. C’era già due anni fa quando mi sono trasferita e credo resterà lì per un bel po’.

Nelle giornate di sole è difficile vedere bene l’interno del memoriale a causa del riflesso della luce sulla lastra trasparente. Il momento più adatto per visitarlo e fotografarlo è, secondo me, il tardo pomeriggio/sera, perché l’opera è illuminata dall’interno.

Vado spesso a Bebelplatz da sola. E ogni volta è come se fosse la prima: osservo la biblioteca vuota in silenzio, per qualche minuto, in bilico tra rassegnazione e speranza. A Berlino ogni giorno è il 27 gennaio.

Io la mia l’ho detta. Ora tocca a voi. Siete stati a Bebelplatz? Se sì, cosa ne pensate di The Library e che effetto vi ha fatto vederlo? Quali libri sull’argomento vi passano per la testa?

Ah, dimenticavo: i roghi di libri in tedesco si chiamano Bücherverbrennungen. Così, giusto per la cronaca.

Post scritto sotto l’influsso di “Lateralus”, Tool

Caterina
Seguila su

Caterina

Dirigente di una multinazionale di sogni, attualmente impegnata nella loro realizzazione. Da grande vorrebbe diventare ambasciatrice di sorrisi e indossare solo abiti color turchese.

Su Instagram e Twitter è @katyonabc
Caterina
Seguila su